Crab - Moschettieri

  • Uno spettacolo di Pierpaolo Congiu e Antonio Villella

  • con Pierpaolo Congiu, Eugenio Gradabosco, Michele Guaraldo e Antonio Villella

  • regia di Antonio Villella

  • costumi e grafica Luciana Gravina

  • luci Cristian Perria

  • suoni Enrico Messina

Allestimento ideato alla Casa del Teatro Ragazzi e Giovani

“Uno per tutti e tutti per uno! ”

“Moschettieri” nasce dall’amore per i “classici”, dal desiderio di ri-immaginare, di ri-scrivere, di ri-fantasticare. Dopo il buon esito di “Don & Sancho... e il Gran Premio della Montagna”, una nuova rivisitazione di un classico della letteratura: “I tre Moschettieri”. Lo spettacolo, con un occhio al clima epico e avventuroso del romanzo di Dumas e un altro al mondo giocoso e leggero del clown, è un susseguirsi di scene e stili diversi:dall’omaggio al film muto alla commedia, dal grottesco al comico, dal letterario al clown. Attraverso la risata, intendiamo affrontare in maniera semplice e profonda i temi dell’amicizia, della lealtà e del confronto con l’altro.

Nota di regia


“Moschettieri” è un gioco. I personaggi in scena sono quattro: Athos, Porthos, Aramis e d’Artagnan ; soli in scena, i quattro eroi si raccontano, si sfidano, si divertono, si perdono e si ritrovano. La vicenda racconta il processo di formazione di un giovane “guascone” spavaldo, attaccabrighe, ambizioso e astuto, che grazie all' incontro con i suoi tre compagni, scopre il valore della vera amicizia e realizza il suo sogno di diventare Moschettiere del Re... Ci siamo immaginati D’Artagnan, senza allontanarci troppo dalla verità, come un vero e proprio “bullo” di periferia, il quale arrivato a Parigi si permette di sfidare niente meno che le tre più grandi lame di Francia. Ci piace definire "Moschettieri" uno spettacolo clown senza naso rosso; perché lo spirito con cui abbiamo affrontato la vicenda porta con sé il gioco, la fantasia, la semplicità e la fisicità tipica di questa grande figura artistica.
Riteniamo che la lezione di un grande classico possa sempre passare attraverso il divertimento e la leggerezza e dedichiamo questo spettacolo a tutti coloro che non dimenticano d’essere bambini.

Maura Sesia - UNO PER TUTTI, TUTTI PER UNO: MOSCHETTIERI ALLA CASA DEL TEATRO
L'edizione 2009 di GiocaTeatroTorino si sta rivelando di alto livello, nell'abituale grande varietà di tipologie in concorso. Moschettieri è soprattutto buon teatro d'attore: infatti il quartetto di protagonisti si staglia anche visivamente nella scenografia essenziale, evocativa, apparentemente povera, mai banale. Ed anche gli oggetti concorrono fascinosi alla resa complessiva. Ci sono cavalli copertoni e spade gommose, cilestrine casacche e piumati cappelli, panini e banane, un breviario, una borraccia, pantaloni versicolore e stivaloni scuri, un fondale di teli ed una pedana circolare, su cui svetta il vessillo di Francia e poi d'Inghilterra, che è giostra, è strada, è ludica suggestione. In scena si combatte, si giura e si sputa, con l'imprescindibile motto tutti per uno uno per tutti. Dell'imponente romanzo di Dumas padre restano poche avventure ma permane l'anima cavalleresca, che restituisce il clima amicale e leale. E' poi travolgente la scelta musicale, che immette la fittizia Francia secentesca in un'atmosfera west alla Morricone. Qui l'inesperto D'Artagnan (Antonio Villella, anche regista), appena arrivato a Parigi si imbatte burrascosamente nei tre inseparabili moschettieri; per futili motivi il giovane guascone sarebbe costretto a duellare con il terzetto, se il dispetto pretestuoso e superficiale non si mutasse rapido in simpatia. I moschettieri lo educano, gli insegnano il bel portamento, l'arte dello spadaccino e gli trasmettono l'odio acerrimo per le guardie del cardinale; Athos, Porthos ed Aramis saranno poi coinvolti nell'impresa che frutterà a D'Artagnan la casacca di moschettiere del re, ovvero la rischiosa spedizione in Inghilterra per recuperare i gioielli della regina, nel vorticoso e sapido finale. Bravi gli interpreti a caratterizzare efficacemente i rispettivi personaggi, l'ingordo Porthos di Eugenio Gradabosco, il pensatore Athos di Pierpaolo Congiu, lo spirituale Aramis di Domenico Berardi. Un allestimento in cui spicca la fisicità, a tratti clownesca, il gioco delle lingue, con un andirivieni parodico tra francese inglese ed italiano, l'importanza delle immagini, con alcuni quadri viventi, come istantanee, ad incorniciare espressioni spassose.

Crab Associazione Culturale

P.I. 09797860013
Sede legale: Via Volta, 9 - 10121 Torino
Sede operativa: Via Macerata, 19 - 10121 Torino
Info: 335-5455736 - 320-0540591 - 329-0922018

Contattaci

Se vuoi informazioni

sugli spettacoli o sui laboratori

scrivici

Social

Twitter Facebook